11 R: Passato-Presente

Riforma: passato e Presente: (come storia) ) (documenti che si ripetono ridotti da un accumulo di memorie di circa 40 anni)
Capitolo 11) elaborato da Giuseppe Ionata.

La Riforma, passato e presente è una forma di Istituzione per rettificare una soluzione giusta, fondata sul sistema del Federalismo e democrazia diretta. Per proteggere le persone verso la nuova fondazione di Era Moderna con gli obiettivi di voltare pagina della storia. Senza guerra nel mondo intero.

Senza toccare eventuali suscettibilità, l'essere umano a saputo coltivare e costruire purtroppo, ha anche distrutto in passato come in presente con conflitti a duello di odio e vendetta, continua a distruggere con la guerra.

La guerra è la fonte di instabilità amministrativa che ci conduce: alla fame, miseria, malattie e degrado sociale, intere popolazioni sono forzati di fuggire dal proprio territorio a rischio e pericolo per la sopravvivenza.

Giovani italiani laureati continuano lasciare la propria terra per lavoro. Alcuni lamentano che nelle scuole è stata tolta l'educazione civica, si vive di incognita senza futuro.
Non possiamo più accettare, l’epoca del dominio e conquiste di territori, per creare poteri singoli Sovrani. All'epoca attuale cambia di poco,
sono sempre i ricchi con i loro capitali ad insediarsi a capo di governo.

Al peggiore dei casi, sfruttano ogni opportunità anche sulla causa dei migranti, gente che fugge dal loro Paese, sia per dominio dei Paesi “ricchi” che sfruttano da lontano i loro beni e con dominio di bombardamenti, sia per sottomettersi a una politica economica decrescente verso la povertà.

L’accoglienza viene bloccata dagli stessi sfruttatori politici i quali, costruiscono muri e barricate spinose, per chiudere l'accesso a persone che fuggono di malgoverno e guerre e miserie.
Il dominio Imperiale di ricchi e l’Impero Religioso, più che altro, proviene dalle guerre sanguinarie continue attraverso i secoli passati e nel presente, è dall’animo economico, per interessi propri, fu impedito di creare il federalismo.
Come unico strumento di partecipazione a modello di sovranità popolare.

Infatti la qualità del prodotto per la guerra e la costruzione delle ricchezze, di potere, l’accumulo di capitali, a ridosso del popolo, molta la gente vive all’abbandono, ad altri rimane, soltanto il dovere di obbligo delle imposte e ogni altro tipo di sfruttamento.
Sono stati costruiti sicurezze imperiali, contro l’insicurezza delle cittadine e cittadini. All’epoca li chiamavano sudditi, perché erano onesti lavoratori, erano allevatori di maiali e altri tipi di allevamenti per l’or Signori, perciò, li classificano maleodoranti, dicevano che puzzavano come la peste. Il cristianesimo trae profitti per convertirli.

Vennero offesi con minacce di eretici, di non andare in prigione senza conoscere i loro diritti del potere che riscuotere le tasse.
  • Per costruire armi, all’obbligo di soldato per poche persone.
  • Causa della crescita di povertà.
  • Il lavoro a modello di schiavitù, è stato e tutt’ora è una cosa orrenda e indecente per la “società detta” civile.

Crisi politica:
All'epoca in cui viviamo, aumenta una forte crisi politica nel mondo intero. I partiti politici tradizionali sia di destra che di sinistra non riescono più di avere la maggioranza assoluta per governare. È sono costretti di formare delle coalizioni di governo, dopo le elezioni politiche.

Nel sistema del progetto, federale e democrazia diretta le cariche degli eletti verranno, costituiti prima delle elezioni politiche.
In Italia con le elezioni amministrative del 2018 per questione di incompetenze e di formazione politica, con un “contratto di governo” formano una coalizione. Però non riescono, trovare tra gli eletti un Presidente del Consiglio, in conseguenza ricorrono in ricerca di un commissario di governo.

Il quale non è stato candidato alle elezioni, quindi non eletto.
Assumere impegni di Presidenza in un Paese non essere, rappresentante del popolo stesso.
In conseguenza se si continua in questa direzione,
corre il rischio di perdere e mettere in pericolo il suffragio universale. Perdere anche il diritto democratico già in rischio.

In quando la persona con studi superiori nulla da dire, però non risulta di una formazione politica e nemmeno di una esperienza politica precedente. Con la sua propria volontà si autonomina lui stesso avvocato del popolo, fatto sta che a durato solo 14 mesi e fu costretto di proclamare la crisi di governo.
Con la crisi di governo fu rinominato la stessa persona, per la seconda volta. In Italiasuccede del tutto, la popolazione vive in agonia.
Costretta di subire ingiustizia e incoerenza.

La coalizione di governo 2018-2019 di (destra o più che altro di persone qualunque) e di estrema destra, conquistarono l'elettorato, con promesse illusorie (reddito di cittadinanza, speculazione sugli immigrati ecc.) infatti è durato soltanto 14 mesi, da inserire nella storia di governo italiano tra i più peggiori del prima e dopo guerra.

La fondazione di ritorno al un nuovo governo, da destra e sinistra, è stato risolto a miglior modo, per non ricorrere a spese ulteriori di campagna elettorale e aumento di tasse, come sopra scritto rinominato (Presidente secondo) tutto avviene per gelosia e ostilità tra persone. I quali fuggono dalle proprie responsabilità. Costretti di prendere in carica un Presidente non eletto dal popolo italiano.

Crisi di politica di sinistra:
Sono un attivista di sinistra, inizio con il PCI-PDS-DS-PD penso di diritto esprimere la crisi politica che affligge me stesso e tante altre persone interessate alla crisi politica italiana.

Per questo progetto non ho trovato ascolto, a causa di scissioni, aumenta la sfida chi era più di “sinistra” accusando l’altro di “destra”. Hanno alimentato paura tra la gente e molti lasciano il PD.

Alcuni sovranisti di partito non diedero spazio a 2 ultimi giovani come altri precedenti giovani. Non dare spazio alle nuove generazioni ogni cosa si ferma quindi tutto rimane senza futuro, un futuro alimentato da crisi dopo crisi politica. Per questo motivo ho scelto
Italia Viva.

Accusano un giovane di un certo talento, lo hanno dipinto mediatico distruttore e bugiardo.
Ricordano solo quando disse di lasciare la politica se avesse perso il referendum ma non ricordano che è stato rieletto.
Questo è una sfida da maligni, o da malandrini.

Benché rieletto, aveva tutto per potersi identificare, purtroppo invece di ammirarlo, venne sbeffeggiato da un polo di buffoni, essere onesti in Italia è una colpa lo affermo per esperienza personale.
Ben due giovani sono stati emarginati, per eleggere un segretario di un “certo spessore” al peggio non hanno previsto, la perdita di tempo, il quale tempo prezioso da un risultato negativo, a regalare, per la seconda volta le elezioni Europee 2019 all’estrema destra italiana.

Tuttavia:
In politica la democrazia diretta si è fermata in "democrazia" la vera democrazia non è stata e tutt’ora non è applicata, il voto rappresentativo non funziona nelle regole democratiche. Gli eletti molti si diversificano tra colleghi e sono in tanti che abusano a trarre beneficio per loro stessi.

Molti eletti, creano conflitti d’interesse, odio, vendetta, tra colleghi, e abusi di denaro pubblico a beneficio per loro stessi.
Dimenticano, la politica amministrativa.
Soprattutto in Italia la maggioranza è indagata alcuni finiscono in prigione.
Agiscono contro loro impegno assunto a disagio della società della gente, quindi aumenta il profitto decrescente a ridosso dei più poveri.
(La décroissance au dos des plus pauvres).

La conquista della politica si è ridotta al confronto di persone, al duello per la conquista del potere, alla sfida dell’intolleranza, il potere logora le stesse elettrice e stessi elettori eletti. Sta scomparendo, la cultura pratica e morale della politica, corre il rischio, che non si potrebbe più votare, questo è il rischio della democrazia, in Italia 76 (settantasei) governi della prima repubblica.
È un prodotto scandaloso di ingovernabilità.

L’oblio che differenzia il passato; Tra analfabeti del passato e l'istruzione di oggi, non cambia nulla persistono delle pretese degli stessi eletti dal popolo.
Chiedono il voto alla gente e contemporaneamente lo accusano colpevole. Tu stai investendo in me. Ti “puoi affidare” di me, ma soprattutto ti devi affidare di me.

Ritorniamo un momento di circa un secolo fa: la Conferenza per la pace nel 1919 eravamo nel dopo della prima guerra mondiale, gli italiani pensavano che fossero stati traditi a Versailles.

Tutt’oggi essere riconosciuto, le parole diventano un linguaggio al 25% gli italiani erano analfabeti irrazionali, ma in tempo stesso erano influenti. (Soggetto di completare un argomento) in una nuova forma della politica. 
Giornalisti italiani che volevamo capire la politica erano riverenti, vanno ad ascoltare perché avevano capito che aveva cambiato il modo di fare politica. Pertanto la sovranità imperiale e religiosa, continua di colpire in ogni circostanza la classe più debole. Ti “puoi affidare” di me, ma soprattutto ti devi affidare di me.
Nel 1963 con il governo di centro sinistra 40 deputati lasciano il PSI.
Nel 1973 al 1976 la narrazione dal fascismo all’antifascismo aveva una ripresa molto forte. Una narrazione del passato, vedrà la società che cambia. Sul racconto del passato emerge una generazione di narrazione che aiuta di vivere e ampliare la ricostruzione per una risposta al presente e futuro.
Con l’assassinio di Aldo Moro, dimostra, che la società imperiale e religiosa non si tocca.
Nel 1978 la fine di Aldo Moro è stata la fine di un mondo.
Nel 1980 Enrico Berlinguer annuncia la fine del compromesso storico.
La società repubblicana imperialista non ha più alternative, nel concetto del lavoro politico. La cultura si evolve lentamente, contemporaneamente il valore sociale e l’evoluzione tecnologica si trasforma tra gli umani. Uomo e macchina crea il valore aggiunto immateriale.
I giovani rinunciano fare figli:
A causa di scarsità di formazione dei diritti democratici e diritti legali.

Ambiente:
Persiste un inganno continuo, di informazioni quotidiane scorrette, viene tolta la dignità umana, andiamo incontro verso la distruzione del pianeta.
Nel mediterraneo, l'Italia si trova, il primo soccorso dei fuggiaschi, uomini donne adulte e bambini, una buona parte muore annegato.

Nel mondo bambini e adulti dormono e vivono nel posto di lavoro per un salario di miseria per produrre prodotti anche contraffatti, lavorano 14 a 16 ore su 24.

Purtroppo non arrivano solo vite umane, arrivano scorie radioattive, armi chimiche. (Arrivano proprio a Gioia Tauro). C’è in programma che le scorie radioattive vengono sotterrate a 40 (quaranta) metri di profondità per realizzare dei (parchi elettrici). Le armi chimiche “pare” che vengano disperse in fondo al mare.
Da seguire con cura gli avvenimenti senz'altro entrambi i risultati ritornano nelle coste.
A controsenso, viene chiesto l'aiuto ai poveri. Però si dimentica che nei Paesi “ricchi” persiste un altro tipo di guerra. Molti giovani “deboli” cadono in trappola al peggior consumo di stupefacenti di ogni genere.
Sciaguratamente sul lato economico conviene a tutti.

Altri giovani, non conoscono il mondo del lavoro. Sono discriminati i lavori produttivi, se non si cambia atteggiamento, un solo agricoltore deve produrre alimenti per milioni di persone, lavorando 14 a 16 al giorno.

La corsa individuale politica al consumo ci avverte di ritornare indietro nel medio evo. “sembra avere di più” è probabile perché abbiamo mezzi di comunicazione avanzate.
La povertà, l'esigenza d'aiuto sociale va in continuo aumento, nell'intero pianeta persiste uno sgradevole disorientamento collettivo. (Medesimo nei cosiddetti Paesi “ricchi” che nei Paesi poveri) nei Paesi “poveri” fuggire dal proprio territorio non è emigrazione.

La Repubblica già vive, verso il tramonto, le regole prescritte hanno tanta pena di essere applicate. Con insulti tra persone, con pregiudizi scorretti e inganno verso l’elettorato, c’è chi ha ottenuto ciò che desiderava.
Con “meno di un terzo” di voti, pretendono dire, lo Stato siamo noi, o la pretesa di aver vinto la terza Repubblica.
Con attitudini di sfida tra vincitori e vinti non si può governare.
Se questa è la “terza” Repubblica no grazie. Con tutto ciò si dimentica il problema l’ambiente.

Perché Rinascimento a Modello di Democrazia Diretta Federale?
In memoria attraverso la storia secolare, tanti politici e di cultura sono stati nel mondo intero (e nel nostro caso in Italia) a chiedere il Federalismo e Democrazia Diretta. Sono in molti che lo pagarono con la vita.

Questo progetto, vuol dare vita verso un modello di era moderna. Vivere e lasciar vivere nel profilo di nove istituzioni governative.

La prima domanda a chiedersi dove sono i giovani? Quale prospettive possiamo offrire?
La seconda domanda? La gente parla, in ogni angolo di strada della politica che scompare.
Aumenta la
sfiducia, a dire i politici eletti, fanno gli interessi per loro stessi. (A mio modesto avviso, direi che sono in pochi a trasmettere informazioni precise).

Fin quando non ci sarà coesione tra politici, aumenta il falso e incomprensione. In Italia, negli anni 1960-1970 c'era competizione dentro i partiti, ma anche un collante ideologico ateo, per il PCI il socialismo rappresentava in ricordo dello sbarco di Salerno, in cui Palmiro Togliatti annuncia, la via italiana al socialismo. Da questi principi in Italia cresceva una gioventù educata con tanta voglia di andare avanti e progredire in una nuova società democratica.

I nostri giovani di oggi sono attratti di cementare il passato anche in memoria di Enrico Berlinguer e tant’altri di cui ho avuto modo di conoscere, Berlinguer era un saggio studioso che sviluppava la vocazione politica di sinistra, l’Italia, godeva un profondo rispetto in Europa e nel Mondo intero.

Detto questo, le nuove generazioni con i fatti storici possono riprendere il rilancio ideologico a modello democratico federale ateo.
La laicità deve affrontare le diversità religiose nel principio fondamentale di unità tra i popoli l’umanità non può essere soggetto di aiuto alla classe più debole, bensì lo sviluppo sociale uguale per tutte e tutti.

A non distinguere i religiosi come un privilegio di parte, sono donne e uomini a uguale diritto di vita corporea tra la gente, nel libero pensiero possono prendere le loro responsabilità di formare una famiglia.

Vivere e lasciare vivere la coscienza dell’individuo è la virtù morale tra la gente, il libero pensiero al credere o non credere, però non trascurare il malessere, la povertà aumenta ovunque in maggior parte nei Paesi poveri non bisogna ignorare, a l’occorrenza, occorre osservare il dominio di maggiore che parte, dalla religione cattolica cristiana.

Il federalismo e democrazia diretta in Francia lo chiedevano per diritto il potere di autonomia produttiva e amministrativa già nelle lotte del comune di Parigi. In Italia negli anni di "piombo" il PSI lo voleva rilanciare nel 1920 (In altri Paesi europei conosco meno).

La base democratica non si può lasciarla vivere di opposizione, testimonio il valore di presidenza a turno, un amico conosciuto in Svizzera negli anni 1960 ritorna in Italia per quarant'anni ha vissuto da consigliere di opposizione nel suo Comune, poco tempo fa mi disse: (Anche se a volte potevo essere d'accordo votavo no) in fondo per 40 anni non ho servito a nulla, soltanto contradire.

Questo progetto, viene da attività di base, vuole rivolgessi democraticamente a tutti Paesi europei, membri o non membri, per il rilancio politico unificato per l’Europa che vogliamo noi.

Prospettive:
Sono italiano europeo l’esposto a giudizio, vale per l’Italia, Europa e nel Mondo intero in questo aspetto di diritto umano chiedo, la collaborazione di donne e uomini giovani e meno giovani.
Di tutti i Paesi Europei e del Mondo intero. Di aprire una dialettica serena, per difendere la crisi politica.

Tuttavia riunire tutte persone di qualsiasi opinione politica, sono benvenuti per collaborare, innovare e costruire il federalismo e democrazia diretta. In fondo il progetto è un sistema collegiale di governo. La diversità crea la realtà.
Capire la gioventù i loro entusiasmi derivano da bisogni di ogni giorno.
Riforme istituzionali universitari mai fatta in Italia.

Il progetto Trasformare e Costruire:
Il rinascimento a modello di democrazia diretta federale; è un accumulo della storia, nella storia è stato l'accumulo di capitale il prestito con la percentuale di interesse commerciale nel quale, ha favorito una società di ricchi.
I ricchi non riescono consumare i loro beni accumulati nei tempi reale.

Con la trasformazione dei comuni di circa 50 mila abitanti, può crescere sulla convinzione che le comunità locali diano un segnale di forza fisica delle persone, per assumere il compito di imporre il ricorso nella competizione, delle controversie del passato e presente, donne e uomini divisi in dimensione delle entità in cui il fatto stesso dimostra che essi sono divisi politicamente.

Se vogliamo creare una fondazione pacifica:
Non possiamo fermarsi in un’idea ambigua vulnerabile che nella sua forma a tendenza di fermarsi sulle antiche sovranità di poteri Imperiali di proprietà dei ricchi, i quali hanno costruito nel loro interno un potere di “pace” meglio specificare processo di pace per loro stessi.

Nella storia essi stessi si sono confrontati a duello finito poi a conflitti di guerre sanguinarie, con termini esclusivamente nazionaliste, inviare giovani soldati in guerra per “difendere la patria” sono atti di insicurezza al costo dell’indipendenza territoriale, mondiale a far crescere la povertà.

Non ci sono aiuti alla gente che fugge nei loro Paesi che possono colmare le necessità di vita alla gente, se sono soggetti all’elemosina.
L’elemosina è un soggetto umiliante di un popolo colpito, già in passato: con le forche caudine in legno, con le spade in metallo, con i primi cannoni, e con i missili che bombardano e cadono dal cielo per distruggere intere popolazioni.

Nei giorni in cui viviamo, l'attuale struttura internazionale dà troppo potere alle legislature nazionali e non abbastanza agli enti locali e internazionali.

Da ritenere valido che gli organi rappresentativi debbano essere eletti democraticamente con il Voto Federale Diretto. Lavorare per istituire un'Assemblea parlamentare della Federazione degli Stati Uniti d’Europa e sollecitare i 5 Continenti, per integrare i diplomatici con delega di una Assemblea Generale nel Mondo.

Lavorare, per garantire che queste strutture rimangano democratiche e giuste, per sostenere, lo sviluppo di queste strutture federaliste locali e internazionali. Sostenere il rafforzamento delle istituzioni del federalismo internazionale per garantire uno sforzo collettivo per la preoccupazione comune di pace, sicurezza e sviluppo, rispettando e mantenendo, il legittimo Stato sovrano popolare.

Da ritenere che:
In passato come in presente. gli organi rappresentativi non sono eletti democraticamente in genere sono persone volute o “scelte” da un capo concorrente di sfida di essere presidente.

Esempio da ribadire agli ricchi nessuno toglie niente:
Da ritenere che, all'epoca di narrazione della conquista di territori il potere feudale trovò la fine con la riforma agraria, "da giovane età ho vissuto" l’epoca dell’Ente Riforma, la distribuzione di terreni. I terreni di proprietà feudale vennero assegnati a poveri non possedenti, la maggioranza di poveri, erano mezzadri, con l'Ente Riforma diventano proprietari.

I ricchi proprietari, si sono trasformati in dirigenti nelle Industrie, nei commerci e Banche.
I loro beni aumentano ugualmente nel mercato finanziario, in politica, occupano posti alti collocati eseguono funzioni in diversi settori; in amministrazione pubbliche e private o uffici pubblici e privati, in banche. Ecc.

Con questo si ritiene ricordare che non ci sono male intenzioni, ma un interesse comune di evoluzione a tutte categorie esistenti.

L’amore va e viene – l’odio peggiora in conflitti e crea disastri umani. All’infinito.

Scoprire che cos’è dietro il sipario è una cosa. Senza sipario è evidente.
Con attitudini di sfida tra vincitori e vinti non si può governare.
Se questa è la “terza” Repubblica no grazie.
 

(pagine 8)